Archive for the ‘Malessere’ Category

Schifo&Nausea

feb
10
Burp… iniziamo…

"Noi siamo per la cultura della vita"

e poi…

"Che il signore l'accolga e perdoni chi l'ha portata a questo punto"

e ancora…

"Strizzerò le vostre aorte con queste mani e mi ciberò del vostro sangue"

e senza dimenticare Taormina, Gasparri, Ruini, Binetti, Vespa, Kattolici, Sciacalli, Necrofagi, e tutti – ma proprio tutti eh? – i partecipanti al macabro circo.

E tutto questo mentre si consumano prove tecniche di golpe, a colpi di lodi, leggi razziali, riforme della giustizia…
 
Mala tempora currunt. Ma ringraziamo dal profondo chi – nonostante tutto e tutti – è in grado ancora oggi di dare un senso alla parola "dignità".

Uhmpf…

Vedete, di solito noi Licaoni ci facciamo di molto i cazzi nostri, ma è in questi momenti di oscurantismo che – come dei novelli John Lennon (ma senza qulla ciste di Yoko Ono) – ci capita di fantasticare un mondo migliore, un mondo fatto a misura nostra nel quale vivere finalmente felici.

Questo sarebbe il nostro Primo  Ministro:

Primo Ministro veramente figura.

Questo il nostro Capo Spirituale:

Un pontefice al passo coi tempi.

Questa la nostra Divinità:

La Divinità e le sue molteplici manifestazioni.

Siamo certi che con simili premesse le cose inizierebbero ad avere un senso davvero.
E sarebbe garantita la laicità dello stato e la certezza della pena.

Le mie origini

dic
7

Partiamo subito con una doverosa precisazione: in molti mi mandano mails, parlandomi di fatti di cui me ne frego ma, data la mia estrazione sociale superiore, mi sento in dovere morale di rispondere, cosa che faccio quotidianamente.
Alcuni stupidi esseri inutili mi hanno fatto notare come, nelle mie risposte, il mio italiano sia alquanto impreciso e a dir poco imbarazzante.
Bene, se pensate veramente che io mi metta a scrivere tutte le risposte siete dei babbei che crederebbero perfino che il petrolio sia infinito: non scrivo io, a questo pensa il mio carissimo amico Vittorio, il quale sta seguendo un corso di italiano per corrispondenza, in modo da ampliare i suoi affari anche nel vostro stupido paese.
Mi raccomando di infarcire le vostre idiote risposte con offese, Vittorio non è un tipo che si offende.
Teste di cazzo…

Ma ora passiamo al vero motivo di questo post: in molti si chiedono del perchè io frequenti il blog dei Licaoni. A parte il fatto che siano cazzi miei, io e i discoli ragazzacci abbiamo molto in comune. Ebbene sì, anche io sono stato un artista e, permettetemi, un artista coi controcazzi.
Tutto nacque intorno agli anni 50 quando io, Fabio e Giulio ci incontrammo in un locale di Miami. Erano tempi duri, le idee erano tante ma le risorse poche. Importavamo troie da Cuba in America, ma la concorrenza era tanta e le donne sempre meno. Un giorno Giulio ebbe l’idea: trasferiamoci in Svezia e fondiamo un gruppo di musica folk popolare o, per meglio dire, ballo liscio.
Cazzo che idea fu: con gli ultimi soldi derivanti dalla coca, andammo in Svezia all’inzio del 1951. Una chitarra, basso e batteria, buone conoscenza nell’ambito della prostituzione ed ecco che nacquero i Baracudaz.
Il pubblico non sembrava apprezzare molto i ritmi misti svedesi-latino americani, il nostro primo disco fu un insuccesso totale. Giulio si dette alle anfetamine anali. Rischiavamo il tracollo.
A quel punto io e Fabio decidemmo che era giunto il momento di cambiare: se uno vuole una cosa, se la deve andare a prendere da solo. Cominciammo a prostituirci alle feste di addio al nubilato: il lavoro era pericoloso, ma ci dava da vivere.
La tensione continua, l’incertezza sul domani ci rese sensibili e produttivi oltre ogni immaginazione: scrivemmo molte canzoni, spostandoci su un pop melodico, fino a che decidemmo di fondare il Club.
I nostri capelli, i vestiti aderenti, quella faccia un po’ da marinaio un po’ da poeta, Giulio ormai fuori dal giro delle droghe (pesanti), sancirono il nostro successo.
Canzoni come "Vacca", "Cappella sistina", "Meglio morti" schizzarono in cima alle classifiche nazionali, facendo nascere un universo di gruppi copia come i Ake Linders o gli Zandra.
Gli anni 60 bussavano prepotenti alle porte, sentivamo che il pop d’amore ci andava stretto.
Era tempo di cambiare ancora.
E nacque il nostro capolavoro, i Tommy elfs

I veri eroi non hanno nome, nessuno vi dirà mai che siamo stati noi ad insegnare a quel negretto un po’ strano a suonare la chitarra, quello che poi è morto affogato dal suo vomito…
Oramai il mondo era ai nostri piedi: eravamo ringiovaniti, le donne erano un surplus quasi fastidioso, potevamo fare tutto o niente e restavamo sempre i migliori… fino a che, Giulio non ricadde nelle droghe a causa delle sorelle Johansson

Prima il cibo, come un novello Elvis, poi l’alcool, poi le droghe. La sua discesa agli inferi fu vertiginosa. La nostra carriera era finita: senza il nucleo originario, la nostra forza era scomparsa.
Divenimmo agenti e produttori, molti i successi fra cui i Toreson, i Totas e i magnifici Scandix, ma la magia dei primi anni era perduta.
Chi si dette alla poltica, chi agli affari, chi alla meditazione: spesso mi sveglio di notte, sudato ed agitato, con davanti agli occhi le mille luci e il pubblico in delirio davanti a noi.
Godetevi il successo e la giovinezza, il resto è inutile.
Mi avete fatto intristire, andate in culo tutti quanti.
Dio benedica un cazzo di nessuno.

H.

Teenagers e Politica

nov
9

Yuppies!

Che bello ritrovarvi sulle pagine del Licablog! Quante cose sono successe dall’ultima volta che ci siamo sentiti. Io ho fatto pace con la nonna (adesso ho di nuovo le chiavi di casa e non devo più dormire nello stanzino di Sercio), ho un nuovo amico di penna, ma soprattutto ho vissuto la mia prima esperienza di occupazione!

Per protestare contro la riforma Gelmini, infatti, a scuola sono state sospese le lezioni e sono stati organizzati in alternativa alle materie tradizionali dei corsi autogestiti. Bellissimi quelli di visual basic, pascal e sega master system.

Ebbene: anch’io ho voluto dare il mio contributo, organizzando un bel corso informativo sulle elezioni americane!

Sono contentissimo perché da sempre ho sostenuto il mio beniamino Obama, quindi ho pensato che sarebbe stato bello parlare di politica assieme ai miei compagni. Siamo dei teenagers, magari troppo giovani e brufolosi per comprendere a fondo la politica, ma noi rappresentiamo il futuro e quindi abbiamo il dovere di informarci e di assumerci delle responsabilità.

Così ho fatto un cartellone a collage per spiegare le mie ragioni a favore di Obama e l’ho presentato alla classe che ancora non aveva aderito a nessun corso, i ragazzi della III B.

Il loro rappresentante di classe, il Borgiotti, è stato gentilissimo e ha sparso la voce perché i suoi compagni partecipassero numerosi all’incontro.

E’ stato un bel momento di dibattito e di confronto civile: anche se ero l’unico a essere entusiasta per l’elezione di Obama, si è creato davvero un buon feeling, tanto che i ragazzi mi hanno invitato a uscire con loro domani sera per partecipare a una braciata.
Yuppies!

Sull’etica della Ragion Pura

lug
26

Col cazzo che mi metterò a parlare di filosofie inutili e fastidiose.. oggi affronterò un problema vero, reale, terribile, che può colpire chiunque in qualunque momento.

C’è chi parla di recessione, chi di fame nel mondo, chi di approvvigionamento idrico.. beh questa massa di teste di cazzo non capisce che l’unico problema vero al mondo sono le palle sudate.

Qualche giorno fa ero nella mia baita di Maiorca con la mia amica Eluana.
Abbiamo pranzato, parlato del significato della Ricerca di Proust, discusso sulle fututre politiche agricole della Russia e poi, grazie a Dio, si è chinata ad indirizzare le proprie attenzioni orali là dove ha sede il maggior carnal disio.
Ero già pronto, sigaro cubano in bocca e mani intrecciate dietro alla nuca, per il consueto viaggio carnal-psicoanalitico, quando la vacca ha urlato
"Ma hai le palle sudate!"
Mi sono incazzato.
Ho lasciato la troia alle cure di Mauro&Franco, i miei vecchi tutor di Greco Antico, e mi sono ritirato in contemplazione per analizzare il mio problema.
In effetti avevo le palle sudate, quasi gocciolanti… che so, forse erano state le cozze, forse un po’ troppo peperoncino, forse il fatto che il giorno prima avevo partecipato ai mondiali di costume nel culo, fatto sta che il problema sussisteva.
E mi sono documentato, perchè sono un uomo di alta cultura, dall’unico libro che valga la pena di consultare

Ho scoperto che il problema è antico, sentito e, a Dio piacendo, risolto. Partiamo dai sintomi.
Fastidio allo scroto quando si entra nell’acqua fredda
Leggeri sudori freddi dovuto ad eccesso di stress.
Più semplicemente, palle gonfie
Questo dovrebbe bastare per accendere il campanello di allarme per le palle sudate.

Mi è stato proposto di radermi lo scroto, ma sir Thomas Hendric me lo ha vivamente sconsigliato. Prima dell’inicidente con il rasoio era così

Basta poco per cadere in disgrazia.
Andare in giro con il kilt scozzese. Ma ho paura che una posizione comoda in mezzo ad un Gay Pride possa fare di me carne da macello.
Ero disperato. Ma ho trovato la luce in fratello Chan-sheng e con il suo corso di asciugatora dello scroto di loto ho risolto il problema in maniera radicale e definitiva.
Ora ho le palle talmente asciutte che potrei accenderci un fiammifero.
Funziona cazzo, sia lodato il Cristo. Ed ora posso farmi surgere l’ammennicolo senza tema ne timore, a Dio sempre piacendo.

Dio benedica le sacche scrotali bianche ed asciutte.

P.S.: mi hanno riferito di un piccolo scandalo da voi in Italia, riguardo alle imprese orali di un certo esponente politico nei riguardi di un altro.
Non vedo cosa ci sia da stupirsi… piuttosto nessuno ha mai parlato quando provò a farlo a me. Ci misi mezz’ora d’orologio prima di farle capire che non si devono usare i denti.

Perché?

giu
8

                            

E ancora una volta parliamo di cinema Americano.
Non me ne vogliate, prima o poi su queste pagine faremo anche un punto sullo stato del cinema Italiano (e non per parlare di "Rinascita" come fanno tutti: anche se a Cannes abbiamo avuto due film discreti come il Divo o Gomorra non dobbiamo farci illusioni… non è ancora rinato un bel niente e forse non rinascerà mai più, capito Gianluigi?).

Sarò breve.

Sono allibito.

E la questione è: ma perché certi talentacci di Hollywood si stanno buttando via dietro a film tratti da fumetti?
Semplice : fare soldi a palate (con percentuali sugli incassi), riscattare una carriera in declino, cavalcare il trend del momento.
 
Ma converrete che è comunque triste vedere veri mattatori sprecati dietro a filmoni mediocri, senz’anima e assolutamente puerili…

Perchè finchè era ancora gente insulsa come Tobey Maguire per Spiderman o James Marsden per X-Men non c’era problema: film fatti con anonimi disgraziati per un pubblico di nerd segaioli

Ma qui si sta esagerando: gente come Robert Downey Jr.

                          Classe.

(che nonostante il burrascoso passato e qualche titolo alimentare, vanta un notevole curriculum) si butta anima e cuore in un filmaccio come Iron Man impegnandosi sorprendentemente a cercare la massima adesione fisica col personaggio anche a costo di sembrare ridicolo…
 
O Edward Norton

               Talento sprecato.

famoso per le sue scelte sofisticate e difficili, accetta di fare un sequel-remake di un film orribile come Hulk del 2003, dal titolo (ma pensa te) L’incredibile Hulk e addirittura co-scrivendolo e co-producendolo…
 
E la lista è ancora lunga: Tim Roth  nel ruolo del  cattivo del suddetto film che leggo chiamarsi "Abominio" (!!!) … o Christian Bale che continua ad affondare la sua credibilità artistica andando in giro vestito da pipistrello

Persino il mio amato Will

               Carisma innegabile.

ha ceduto alla tentazione facendone uno: Hancock.
Film che parodizza il genere, ma pur sempre di supereroi si tratta (e dal trailer si capisce che comunque alla fine tutto si risolverà come un’ ennesima variazione sul tema di Superman…)

Ragazzi, che scòramento.
Il cinema mi sta sempre dando meno soddisfazioni.
Meglio la Potta (e sovente il Culo).
 
Ditemi la vostra.
O anche no se nun ve va, tanto ho sempre ragione io.

Bèlla.

P.s.: Leggo con piacere che Indiana Jones 4 ha fatto schifo al cazzo e deluso profondamente anche i fan più accaniti.
Ben vi sta, idioti. Ancora vi aspettate qualcosa da questi due cialtroni?
Ve meritate solo un clistere de midiclorian e orde de marmotte digitali che ve mordono li coJòni.

Che cosa farò da grande?

nov
11

Ciao amici!

  

   Oggi vi voglio svelare un segreto. Da piccolo, quando la nonna mi metteva in punizione legandomi su una sedia in soffitta per pomeriggi interi, non sapevo mai cosa fare per far passare il tempo. Così iniziavo a fantasticare delle storie fichissime, dove io ero l’eroe che liberava la bella di turno oppure salvava il mondo da un disastro nucleare. Poi arrivava la nonna che, con un paio di nocchini assestati bene dietro la nuca, mi riconduceva alla realtà.

   Ma da allora ho iniziato a coltivare un desiderio segreto: diventare uno scrittore.

   Quando lo confidai alla nonna, lei mi disse che mi avrebbe asportato il fegato se le avessi di nuovo rivolto la parola per simili cazzate. Ma la mia passione cresceva di giorno in giorno, e così mi misi sotto a scrivere: racconti brevi, storie per fumetti, sceneggiature per fotoromanzi.

   Un giorno convinsi Sercio a mettere in scena una mia pièce teatrale dal titolo “My best friend, Cappuccetto Rosso”, e mi feci prestare i suoi furetti da combattimento. Mio cugino mi fece un prezzo di favore (grazie Sercio! T.V.B.! Domani ti porto la settantaquattresima rata!) ed io iniziai subito a provare con i miei nuovi attori: bastavano dei tranci di rosticciana a motivarli.

   Lavorammo sodo per un mese intero, e quando arrivammo alla sera della prima – Yuppies! – non stavo più nella pelle. Anche i ragazzi erano adrenalinici

Attori talentuosi

   Stava andando tutto bene, quando all’inizio del terzo atto, “Cappuccetto” fu colto da un eccesso di ira ed iniziò ad azzuffarsi in scena con gli altri attori… la situazione degenerò, nella rissa venne sfasciata tutta la scenografia e due della compagnia si dettero alla macchia. Io fui dunque costretto a sospendere la performance e a rimborsare i quattro biglietti venduti.

Quella notte, tra le lacrime, decisi che da grande avrei fatto la cavia per la sperimentazione dei farmaci.

Ciao a tutti.

Che cosa cercano le ragazze?

ott
23

Ciao a tutti!

Oggi, a scuola, mi è capitato un piccolo incidente.
E’ un po’ di tempo che ho una certa infatuazione per una mia compagna di scuola.
Stamattina, però, avevo preso il coraggio a due mani e avevo deciso di compiere il grande passo e dichiararmi.
Per l’occasione aveva preparato a casa una doppia porzione di pane e unto, per donarne una fetta alla mia bella, nonchè due succhi all’Ace (aspartame-cacio-eczema).

Ebbene: al suono della campanella mi sono avvicinato, porgendole la prelibata merenda, ma lei ha subito estratto dalla tasca uno spray al peperoncino e me lo ha spruzzato negli occhi. Poi mi ha sferrato un calcio fortissimo ai genitali, mi ha legato ad una sedia e mi ha lavorato ben bene le gengive con degli arnesi da cerusico.

Adesso due miei molari si trovano incollati nella sua Smemo e io non so come interpretare il suo gesto… che anche lei provi qualche cosa per me?

Yuppies!!!
 

Fascino

Mi presento…

gen
5

Salve a tutti!

Mi chiamo Diego e sono emozionatissimo, perchè sto scrivendo il mio primo post!
Per questo non ringrazierò mai abbastanza i miei migliori amici, i Licaoni! Non dimenticherò mai la notte in cui ci siamo conosciuti: io ero andato a vedere un loro spettacolo, e poi li avevo seguiti nelle loro scorribande fuori dal teatro, prima all’osteria, poi al puttan-tour e in fine al russian-pub. Ero là, solo soletto al mio tavolino che li ammiravo senza avere il coraggio di presentarmi, quando uno di loro mi fece cenno di avvicinarmi, mi chiese il nome e senza aspettare risposta mi spense una cicca sul braccio destro! Mitico! Mi usarono come posacenere per tutta la notte!

Da allora i Licaoni sono diventati i miei unici amici. A scuola, infatti, non sono molto popolare. Tutti mi chiamano quattrocchi sparapidocchi, secchione e fiatodimerda… e dire che invece ci vedo benissimo e ho tutti cinque in pagella!!!

Datemi dei consigli voi, frequentatori del blog, che siete sicuramente più maturi e in gamba di me… Cosa fare per essere accettato dagli altri?
A presto! VVATQTB!!!