Archive for dicembre, 2005

King Kong

dic
31
Che Peter Jackson fosse un bluff lo sospettavo da tempo. Sin dagli  esolrdi splatter-"finto alternativi-eccessivi " (Bad Taste, Braindead) per poi arrivare alla strombazzatissima e pluripremiata "Sega dell’Anello" (sì,sì, avete lettto bene, proprio "Sega" ).
Una serie di films, questa tratta dai romanzi di Tolkien, che a parte i prodigiosi e sofisticati effetti speciali (leggi: Gollum) non offre granchè e anzi,  insieme alla trilogia di Matrix ha il grosso demerito di aver spinto Hollywood a sfornare film fotocopia zeppi di effetti digitali, ma soprattutto legati alla formula "trilogia a tutti i costi"…
 
Ma sono qui per parlarvi  di King Kong. Un film  che soffre anch’esso di tutti i difetti sopra elencati  (salvo il fatto che non potrà mai svilupparsi in una saga, per il finale che tutti conosciamo…); un film bolso,lungo senza motiivo, dove tutti i personaggi umani hanno le loro paturnie psicologiche  di cui non importa niente a nessuno.
A detta dello stesso Jackson "il film vuol essere una grandiosa serenata  alla magia del cinema e stanerà il fanciullino insito in ogni spettatore"…bah…Chi rimarrà conquistato dal suo film  saranno unicamente quei soliti pipparoli- esteti fanatici del "monster movie". Gli altri si astengano pure.  
E adesso, Amici del cinema, fatevi sotto e dite la vostra! E ricordate: W il  cinema di Genere! Ma quello VERO!
 
                                                                                                                 
 
 
 
 

Auguri!

dic
31

Carissimi frequentatori del Licablog,

dal profondo del nostro cuore vorremmo mandarvi al diavolo, ma le convenzioni sociali e le ipocrisie di questo tempo ci impongono di augurarvi un Felice Anno Nuovo.
Ebbene, anche noi Licaoni coglieremo l’occasione per abbandonarci ai bagordi del cenone: tutto rigorosamente a base di salsiccia e strutto.
La nostra cara Zia Guenda ci attende nella sua fattoria del Montana, quindi non fateci perdere altro tempo, brutti stronzi.

Auguri a tutti voi, razza di pezzenti. Là, eccovi una bella immagine del Capodanno del 2004, tanto per farvi invidia…

Noi nel Montana

Alla prossima…

A grande richiesta!!!

dic
19

Ciao a tutti!

Poco tempo fa vi avevo accennato di una possibile replica del Licaoni Fat Show – Speciale: La Pasqua. Ebbene, sono lieta di annuciarvi che i vostri beniamini torneranno per voi Venerdì 23 Dicembre con una replica rivisitata dello show del 3 e 4 Dicembre!!!

La Pasqua 2

Quindi, per chi l’avesse incautamente perso - o per chi ormai non può più farne a meno! – avrete l’occasione di rivedere ancora una volta sullo stesso palco quei bei ragazzoni dei Licaoni e quei malandrini dei Loungerie. E ci sarà anche una piccola sorpresa: un nostro carissimo amico tornerà a trovarci, un artista versatile, dinamico, brillante, ma soprattutto giovane… e sì ragazzi (ma soprattutto ragazze… ), avete indovinato: Max Stronzo!!! Adorabile, non è vero?

Vi aspetto tutti quanti Venerdì, presso il teatro Cral Eni (ex Agip Petroli) di Livorno.

Io ci sarò… chi ha orecchie per intendere intenda!!!

Un Bacio a tutti voi dalla vostra Sandra.

i Licaoni e la P2

dic
12

Grazie ad un commento del caro Takko lasciato nel post “Golpe?!”, colgo lo spunto per raccontarvi alcuni retroscena del Famigerato Gruppo.
Nella fattispecie vi racconterò di quando i Licaoni tentarono di combattere la P2.
Ma andiamo con ordine.

Corre l’anno 1981 e i Licaoni, giovani dalle nobili origini e dalle brame di conquista universale, non battono un chiodo con le attività di Cinema e Teatro. Decidono perciò di tentare la carta della "Malavita Organizzata" e, rispondendo ad un annuncio su La Pulce, cercano di farsi assumere dalla Banda della Magliana.
Vengono scartati per insufficienza toracica ma, in quell’occasione, sentono parlare per la prima volta di una loschissima loggia massonica che annovera al suo interno esponenti politici, gli alti vertici del clero, la mafia, i servizi segreti americani e professionisti dall’alto profilo.
Subito i nostri tentano di iscriversi al Club di Topolino ma sbagliano di grosso: la loggia di cui sopra è la temutissima e segretissima P2.
Comunque, per la cronaca, vennero scartati anche al test di ammissione del circolo disneyano (alla domanda: “Ti piacciono i fiori e/o vorresti fare il fioraio?” risposero con l’opzione: “Sì, e talvolta me li infilo nel culo.”).

L’incontro con il Venerabile Licio Gelli è avvolto nel mistero. Si narra di una turbolenta visita de i Licaoni direttamente nella villa-bunker del burattinaio aretino. Visita durante la quale misteriosamente scompaiono dalle pregiate vetrinette seicentesche nell’ordine: l’argenteria, tre vasi Ming, due boccali per birra di dubbia provenienza ed alcuni preziosi Album dei Calciatori annate ‘55/56 e ‘56/57 completi.
I Licaoni le tentano di tutte per farsi ammettere nella P2: se così avvenisse, per loro si aprirebbero le porte del controllo sotterraneo di buona parte delle istituzioni, degli organi di informazione (etere e stampa), di una squadra di calcio e poi chissà, magari arriverebbe anche la Presidenza del Consiglio
Ma il Gelli è un osso duro e non bastano serenate e cioccolatini + pelouche per intenerirlo.

La leggenda vuole che durante una importantissima riunione dei vertici della loggia, i nostri si introducano nottetempo nella sede vaticana della P2 , fingendo una retata, così, per fare un po’ di simpatia. Ovviamente vengono cacciati in malo modo e radiati da ogni torneo di calcetto e/o gabbione da qui all’eternità. E’ un colpo durissimo per i giovani.
Sull’orlo del suicidio hanno però una grande intuizione: fare concorrenza alla P2.

Nasce così la ancora più losca e segreta "P2 e 1/4". Talmente segreta che nemmeno i Licaoni sanno di cosa si tratti. Alle riunioni poi, non vengono mai convocati e così se ne vanno anche da lì.

Passano alcuni anni, durante i quali i nostri hanno l’opportunità di conoscere da vicino e capire a fondo i cosiddetti “Poteri Occulti” che governano il nostro paese e parte del mondo capitalista. La furbizia che li contraddistingue ed il desiderio di dominio assoluto hanno portato i Licaoni a maturare l’idea di un nuovo ordine segreto ancora più potente e devastante: la SIAE. Ma questa, come si suol dire, è un’altra storia…

 

i Licaoni ringraziano

dic
7

Ordunque, eccomi a voi.
Mi presento: sono Sandra, la ragazza alla pari del gruppo i Licaoni (vedi post "La Dea del Lica-Blog".  A proposito… in quella foto non sono presa troppo bene… in realtà i miei capelli sono molto più lunghi di quanto non sembri lì).
Questo è il mio primo post ufficiale qui sul Lica-Blog e spero che diventeremo amici. 

i Licaoni, reduci dal primo ciclo di spettacoli "Fat", appaiono gioiosi ed appagati. Mi hanno confessato di essersi divertiti molto e di avere in serbo ancora mille idee per gli spettacoli che verranno.
Eccovi una immagine rubata al backstage dell’ultimo Fat Show, quello sulla Pasqua:

i Licaoni durante le prove

Come vedete la gioia ed il divertimento per l’esito delle prove si palesa dalle espressioni particolarmente radiose dei nostri.
Come al solito i Licaoni sono dei fini esteti e, anche durante le prove dello spettacolo (momento della fatica e del sudore per antonomasia), non rinunciano ad una "mise" sobria ed elegante, al contempo comoda ma caratterizzante. E tutto questo per non deludere le aspettative di voi fans che da sempre vi aspettate dal gruppo il meglio del meglio.
Dunque fatica e sudore, sì, ma anche gioia e gratitudine verso il Nostro Signore, per aver concesso loro la possibilità di essere belli ed eleganti in qualsiasi contesto.

Un grosso applauso va sicuramente rivolto ai Loungerie che hanno arricchito lo spettacolo con la loro arte e una energia inesauribile. Certo, non sono eleganti come i Licaoni ma d’altra parte non si puo’ avere tutto dalla vita…

i Licaoni ringraziano i numerosi fans intervenuti e danno appuntamento  a tutti per l’anno prossimo con un nuovo, entusiasmante, ciclo di Spettacoli Grassi.
Nel frattempo si vocifera di una replica natalizia dell’ultimo spettacolo, ma per ora son soltanto voci di corridoio…

Un bacio appassionato a tutti i Lica-bloggers.